Sportiva, elegante, conveniente: nuova Opel Corsa ordinabile da subito nella sua sesta generazione

La sesta generazione di Opel Corsa soddisfa ogni tipo di esigenza. Da giugno questa utilitaria campionessa di vendite è ordinabile anche nella versione elettrica a...

Leggi tutto

La riduzione dei veicoli diesel e il WLTP portano ad un maggiore consumo di carburante

La riduzione dei veicoli diesel e il WLTP portano ad un maggiore consumo di carburante
UPSA

Le automobili di nuova immatricolazione in Svizzera nel 2018 hanno consumato in media 6,08 l di equivalenti benzina ogni 100 km, ovvero il 3,6 per cento in più rispetto al 2017 (5,87 l/100 km). Anche le emissioni medie di CO2 delle automobili nuove sono aumentate rispetto all'anno precedente, attestandosi a circa 137,8 g CO2/km (2017: 134,1 g CO2/km). 

pd.Le emissioni di CO2 degli autofurgoni e dei trattori a sella leggeri immatricolati per la prima volta, veicoli che a partire dal 2020 saranno pure regolamentati dalle prescrizioni sulle emissioni di CO2, sono state pari a 183,3 g CO2/km e pertanto in calo rispetto all'anno precedente (185,3 g CO2/km).

Nel 2018 sono state messe in circolazione per la prima volta circa 301'000 automobili. Il 3,2 per cento delle nuove immatricolazioni del 2018 è da ascrivere alle automobili alimentate parzialmente o integralmente con energia elettrica (2017: 2,7%). La quota dei veicoli diesel è diminuita al 30,3 per cento (2017: 36,2%).

Le emissioni medie di CO2 delle automobili nuove sono aumentate del 2,8 per cento rispetto all'anno precedente, attestandosi intorno a 137,8 g CO2/km (2017: 134,1 g CO2/km). Anche il consumo energetico medio di tutti i sistemi di propulsione, espresso in unità di benzina («litri di equivalenti benzina»), è aumentato leggermente, raggiungendo 6,08 l di equivalenti benzina/100 km (+ 3,6%). Il modesto aumento delle emissioni di CO2 rispetto al consumo è da ricondurre all'incremento della quota dei veicoli elettrici, a zero emissioni di CO2/km.

Le ragioni dell'aumento del consumo e delle emissioni di CO2 risiedono nella persistente crescita della quota dei veicoli a trazione integrale (2018: 48,9%) come pure nel calo dei veicoli diesel. Inoltre anche i valori misurati secondo le condizioni di misurazione più realistiche offerte dalla nuova procedura WLTP e ricalcolati in termini di NEDC possono aver comportato per alcuni veicoli un lieve aumento delle emissioni di CO2. Al tempo stesso, in tal modo, è stato possibile ridurre lievemente lo scostamento del consumo reale, che negli ultimi anni era aumentato a oltre il 40 per cento.

Il peso a vuoto medio delle automobili nuove è stato con 1680 kg di poco superiore a quello dell'anno precedente (2017: 1672 kg). L'efficienza tecnica delle automobili nuove è peggiorata nel 2018. Il consumo energetico ogni 1000 kg di peso del veicolo è aumentato da 3,5 a 3,6 l di equivalenti benzina/100 km.

Diminuzione delle emissioni degli autofurgoni e dei trattori a sella leggeri
Nel 2018 sono stati immatricolati per la prima volta circa 30 200 autofurgoni e trattori a sella leggeri (veicoli commerciali leggeri), di cui l'88 per cento erano veicoli diesel. Le emissioni medie di CO2 di questo gruppo di veicoli erano nel 2018 pari a 183,3 g CO2/km (2017: 185,3 g CO2/km), mentre il consumo medio si attestava a 8 l di equivalenti benzina/100 km. Il peso a vuoto medio di tutti i veicoli commerciali leggeri immatricolati per la prima volta è diminuito dello 0,7 per cento rispetto al 2017, raggiungendo 2202 kg (2017: 2218 kg). I veicoli commerciali leggeri alimentati con diesel hanno in media un peso nettamente più alto e producono più emissioni di CO2 (2290 kg peso a vuoto, 187,6 g CO2/km) rispetto ai veicoli commerciali leggeri dotati di motore a benzina (1564 kg peso a vuoto, 165,9 g CO2/km).

Risultati dell'attuazione delle prescrizioni sulle emissioni di CO2 per le automobili nuove
Le emissioni di CO2 delle automobili immatricolate per la prima volta in Svizzera avrebbero dovuto essere ridotte in media a 130 g CO2/km entro il 2015. Con un valore medio delle emissioni di CO2 pari a 137,8 g/km, gli importatori svizzeri di automobili non hanno raggiunto, per la terza volta consecutiva, quest'obiettivo. Le 301'000 automobili verificate nel quadro delle prescrizioni sulle emissioni di CO2 sono ripartite su 74 grandi importatori (ca. 300'000 automobili) e circa 1000 automobili di piccoli importatori.

Ammontare delle sanzioni e oneri di attuazione 2018
Le sanzioni riscosse nel 2018 ammontano a un totale di circa 31,7 milioni di franchi (2017: 2,9 mio. fr.). Il 97,3 per cento del carico delle sanzioni ricade sui grandi importatori, il 2,7 per cento sui piccoli importatori. A fronte di questi ricavi vi sono i costi legati all'attuazione delle prescrizioni, che ammontano a circa 1,1 milioni di franchi (2017: 1,1 mio. fr.). Ne risulta pertanto un ricavo netto totale per il 2018 di circa 30,6 milioni di franchi (2017: 1,8 mio. fr.), suddiviso tra Svizzera e Principato del Liechtenstein in funzione del numero di immatricolazioni e di importatori (quota del Principato del Liechtenstein: 172'000 fr., 2017: 3000 fr.). I ricavi netti conseguiti in Svizzera nell'anno di attuazione 2018 pari a 30,5 milioni di franchi sono attribuiti al Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato (FOSTRA).

Prospettive
L'obiettivo di 130 g CO2/km resta invariato nel 2019. A partire dal 2020 l'obiettivo medio per le automobili verrà ridotto da 130 a una media di 95 g CO2/km. Parallelamente entreranno in vigore anche le prescrizioni sulle emissioni di CO2 per gli autofurgoni e i trattori a sella leggeri (obiettivo 147 g CO2/km).

 

Fonte: UPSA

CSS Valid | XHTML Valid | Copyright © autoestrada 2018 All rights reserved. - Note legali - Created 2012 aa-arts - Restyling 2013 laio Design - Restyling 2016 Laio Design - UPDATE 2018 AMWeb